E’ LEGGE IN ABRUZZO

L’ ANAB, Associazione Naturista Abruzzese è in festa visto che, lo scorso 30 luglio, è stata approvata la Proposta di Legge per la Valorizzazione del Turismo Naturista da parte del Consiglio regionale riunitosi a l’Aquila. Grazie al consigliere Riccardo Chiavaroli, che ha presentato la legge, ora, anche l’Abruzzo si è dotato di un importante strumento legislativo che fino ad ora solo l’Emilia Romagna poteva vantare di avere e che permetterà alla regione di ospitare tutti i naturisti d’Europa ed implementare, così, il turismo. Cosa cambierà, quindi, in Abruzzo? In base alla legge, infatti, i Comuni e gli enti competenti in materia dovranno individuare e destinare spiagge marine, lacustri o fluviali, boschi e altri ambienti naturali di proprietà del demanio o di enti pubblici alla libera pratica del naturismo seguendo l’esempio di ciò che avviene in Francia, Spagna, Crozazia, Germania, Olanda, Belgio e Danimarca ed incentivando, così, il turismo che, in Regione, è una voce significativa all’interno del bilancio.